<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=1792794644375454&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">

È iniziata. La tredicesima edizione di Talent Academy ha i suoi gruppi e le sue aziende. Cinque le imprese in gara: Nestlé Baci Perugina, Banca Intesa Sanpaolo, Maserati, Si-LOG e Adecco. Mai come questo semestre le realtà in gara brillano come numeri uno nel loro settore di competenza. Un trampolino di lancio non indifferente per i nostri ragazzi. I ragazzi, i talenti. Quindici gruppi di studenti, tre team ad azienda. A fine marzo inizieranno gli incontri. Abbiamo pensato, allora, di fornire un breve manualetto per capire, step by step, l’incredibile macchina di Talent Academy.


I BRIEFING

Ogni azienda ospita per una giornata i team in gara. Gruppi e manager si stringono la mano per la prima volta. Vengono presentati i brief di progetto sul quale i gruppi dovranno lavorare fino alla fine della competizione. È un momento decisivo, perché, si sa, chi ben comincia è già a metà dell’opera.


LA FASE DI AS-IS

Analisi, analisi, analisi. Non si può essere creativi senza una ricerca approfondita della materia sulla quale si deve (creativamente) speculare. Ecco perché i primi mesi di Talent Academy riguardano proprio notti insonni a paragonare dati, competitors e il buzz infinto del Web. Partner preferito? Blogmeter: per analisi mai così efficaci.


LA FASE DI TO-BE

La fase finale. Superato lo scoglio dell’analisi, ci si guadagna la possibilità di iniziare a lavorare attivamente sulla realizzazione di un progetto fatto e finito. Un sito, un blog, un’applicazione, una web series, un evento, o tutte le cose insieme: non c’è un freno alla fantasia, se non quello di soddisfare le esigenze espresse dall’azienda in fase di briefing. È il momento in cui si tirano fuori gli artigli, si creano presentazioni lunari e si prova ore e ore davanti allo specchio lo speech finale.


FINALI IN AZIENDA E FINALISSIMA

Ogni team avrà la possibilità di esporre il suo progetto durante le finali in azienda. Cinque giornate all’insegna della creatività, mezzora per dire: ehi, la mia idea è una bomba. Chi vince non vince solo lo stage (a seconda, ovviamente, di quanti posti mette a disposizione l’impresa) ma anche la possibilità di rappresentare l’azienda durante la Finalissima di Talent Academy, in cui Nestlé Baci Perugina, Banca Intesa Sanpaolo, Maserati, Si-LOG e Adecco gareggeranno una contro l’altra.


I COACH

Questo lungo percorso di crescita ha bisogno di figure guida che possano aiutare i team a non perdersi nel mare magnum del Web e a non cadere in facili tranelli dovuti all’ansia o alla troppa voglia di far bene. Ecco perché a ogni azienda sarà affiliato un coach, un vero e proprio mentore, ex vincitori di Talent Academy o figure senior del settore che guideranno i nostri giovani talenti passo dopo passo.


Ora la palla passa a voi.


EYL
Autore

EYL

EYL_ISCRIZIONE_STUDENTI_SIDEBAR