<img height="1" width="1" src="https://www.facebook.com/tr?id=1792794644375454&amp;ev=PageView &amp;noscript=1">
Gamification

Talent Academy e il Fattore C

Scritto da EYL   | 
LEGGI ORA

La natura non ammette il concetto di stasi. Ogni cosa è soggetta al cambiamento e anche quando sembra ferma, in realtà si sta muovendo, silenziosamente, però incessante e spontanea. Dopo dodici edizioni, Talent Academy si è presa una pausa. Lo scorso semestre è servito per togliere questo, aggiungere quello, e capire cosa dovessimo fare per tornare migliori e con un unico grande obiettivo: valorizzare sempre di più i giovani talenti per facilitare il loro ingresso in azienda.

Sì, a marzo inizierà la tredicesima edizione del contest ufficiale di CIMO, la facoltà di Comunicazione per l’Impresa, i Media e le Organizzazioni complesse dell’Università Cattolica di Milano. Talent Academy torna, e con lei quattro grandi aziende (delle quali, però, non possiamo dirvi ancora nulla). Ritornano i coach, i racconti video, Blogmeter; e ritornano loro, i giovani talenti.

Nell’attesa, abbiamo stilato una lista di qualità, nel senso più strumentale del termine, per vivere al meglio la competizione e affrontarla senza paura: il fattore C, appunto. Andiamo con ordine.

  1. CONDIVISIONE: Talent Academy è un gioco di squadra. I meriti vengono dall’intuito di Chiara, la visione di Luca e la capacità grafica di Giulia. Ogni porzione di talento va condivisa con i propri compagni. Primeggiare è un concetto ottocentesco!
  2. COOPERAZIONE: una volta capito quale talento mettere a disposizione per la causa, inizia la cooperazione, che non significa che tutti fanno un po’ di qualcosa, ma imparare a operare insieme, ascoltando e aggiungendo, a volte sottraendo, per soluzioni mai così organiche.
  3. CULTURA D’IMPRESA: guardate la Visione dell’azienda per la quale concorrete e vi diremo chi siete. Bisogna studiare, mettere a disposizione la propria cultura per innovare e stupire l’azienda scelta. Piccoli tasselli di un puzzle molto più grande, decisamente nazionale.
  4. CARISMA: ok, una volta metabolizzati i primi tre punti, si può pensare a un po’ di sano personal branding (che non guasta mai). Ma il carisma è una caratteristica fondamentale anche per la comunicazione interna. Se bruci di passione, se la tua idea ti tiene alzato la notte, beh, anche gli altri non potranno che rimanerne affascinati!
  5. CAPARBIETÀ: avete presente le notti svegli a pensare? Ecco, potranno capitare. Ma non mollate. Talent Academy è un’esperienza unica e, come tutte le cose uniche, molto impegnativa. Ma il talento è testardo e voi siate caparbi: vivrete così tre mesi indimenticabili.

Insomma, speriamo che questo nostro Fattore C possa tornarvi utile e scaldarvi di ambizione. Il countdown, intanto, è ufficialmente cominciato.




EYL
Autore

EYL

EYL_ISCRIZIONE_STUDENTI_SIDEBAR